Extremelot: chiuso il gioco che ha fatto la storia degli rpg via chat in Italia

Nella prima met degli anni 2000 contava oltre 35 mila personaggi e nel 2016 ancora circa 14 mila account risultavano attivi. Extremelot ha resistito ai cambiamenti tecnologici e culturali probabilmente anche oltre quanto era lecito attendersi, ma i tre suoi autori hanno recentemente issato bandiera bianca: Extremelot non ce la fa pi e chiude.

Si tratta di un gioco di ruolo via chat di antichissima concezione da giocare tramite il browser. Fondamentalmente nacque come la versione digitale di Dungeons & Dragons dove ci si radunava in stanze come la Taverna, i Giardini, il Tempio e si interagiva tramite comandi impartiti via chat. Si descrivevano le mosse e si scrivevano i dialoghi con gli altri personaggi, con l’obiettivo di ricreare il fascino e l’atmosfera della vita medievale in contesto fantasy.

Extremelot

Insomma, le origini dei MMO che hanno resistito fino ai giorni nostri grazie alla capacit di trasportare le persone in uno scenario alternativo. Nel momento dell’iscrizione, infatti, i giocatori potevano personalizzare il proprio personaggio e associarlo a una delle 10 razze disponibili. Non mancavano le associazioni come le Gilde e i Clan, cos come i mestieri.

Era lecito quasi tutto, ma ci non toglie la presenza di qualche regola da seguire in maniera rigorosa. Ad esempio, era vietato scrivere pensieri o intenzioni: si poteva trasmettere via chat solo ci che succedeva fisicamente. Lo stesso valeva anche per le azioni degli altri personaggi: bisognava parlare solamente del proprio e non comunicare alcunch sugli altri.

Ben pi di un semplice gioco, dunque, un posto dove le persone si sono conosciute e hanno stretto in certi casi dei legami molto forti. Extremelot, che ha fatto parte del portale Leonardo.it, stato tra i primi rpg via chat in Italia, esisteva ancora prima dell’ADSL e molto prima dei social network. La rete, poi, si trasformata, e sono cambiate le forme dello “stare insieme” online. La fine di Extremelot fa parte del processo.

All copyrights for this article are reserved to HWupgrade