HomePod: ecco come è fatto dentro. Il video del teardown di iFixit

HomePod, il primo smart speaker dell’azienda di Cupertino, finalmente stato messo in commercio nei paesi come USA, Canada e Australia. Con la commercializzazione stato possibile innanzitutto ottenere le prime recensioni sulla qualit audio del nuovo speaker ma nello stesso tempo stato possibile anche vedere quali siano le sue caratteristiche tecniche grazie ad iFixit che lo ha smontato pezzo per pezzo.

Innanzitutto gli esperti di iFixit hanno dichiarato una riparabilit pari ad 1 su 10. S, un voto decisamente basso, un po’ sulla falsa riga di molti altri prodotti Apple che a causa del loro particolare design estremizzato non fanno che abbassare la facilit con cui possono essere riparati. Il basso voto comunque viene contrapposto ad una qualit costruttiva estremamente elevata di HomePod. Apertura davvero difficoltosa che ha addirittura richiesto una sega.


Clicca per ingrandire

Una volta aperto fa subito bella mostra l’enorme magnete del woofer capace di alimentare i bassi del dispositivo. Tecnicamente presenti 7 speaker e 6 microfoni che permettono di ascoltare il dispositivo. Oltre a questi iFixit ha trovato anche alcuni dispositivi come microfoni a frequenza capaci di monitorare l’ambiente e procedere alla modifica del suono in tempo reale.


Clicca per ingrandire

Presente una porta a 14 pin nella parte inferiore che l’azienda di Cupertino ha posto per le future diagnosi sullo speaker mentre la parte superiore del dispositivo costituita da una griglia con 19 LED capaci di animarsi una volta acceso HomePod. A livello tecnico invece si scoperta la presenza di un chip dedicato Apple A8 con una memoria interna da 16GB che non sono accessibili all’utente per la memorizzazione di musica.


Clicca per ingrandire

Interessante anche il materiale del rivestimento esterno che risulta tale da non interferire con il suono uscente dal woofer. Infine una curiosit: le prese d’aria sui lati della bobina dell’HomePod nella parte posteriore del tweeter impediscono che la pressione dell’aria si accumuli e vada a distorcere la musica muovendosi diverse migliaia di volte al secondo.

All copyrights for this article are reserved to HWupgrade